FAQ

Test EPSO: miti e realtà

Ho una vasta esperienza professionale, eppure l'unico modo per diventare funzionario permanente dell'UE è competere con decine di migliaia di altri candidati.

In effetti, i concorsi per profili generici AD possono attirare decine di migliaia di candidati ogni anno in base allo statuto dei funzionari (il documento ufficiale che descrive le norme, i principi e le condizioni di lavoro del personale della funzione pubblica europea); per fare domanda basta essere in possesso di un diploma di laurea. Per i candidati con un certo livello di esperienza professionale, l'EPSO organizza numerosi concorsi per specialisti, con criteri di selezione specifici che tengono conto dell'esperienza professionale. Queste procedure di selezione per personale...

more

Se lavoro già presso un'istituzione dell'UE, ho maggiori probabilità di superare una procedura di selezione.

L'EPSO organizza principalmente procedure di selezione generali aperte a tutti i cittadini dell'UE. Non viene fatta alcuna distinzione tra candidati interni ed esterni in nessuna fase, e le prove, compresi i test su computer, la valutazione dei talenti e le prove scritte, sono corrette e valutate in modo anonimo. Tutti i candidati sono sottoposti a prove equivalenti e a tutti sono applicati gli stessi criteri di ammissibilità.

more

Perché l'EPSO ricorre a test a scelta multipla su computer?

L'obiettivo essenziale dei test di capacità cognitiva dell'EPSO non è semplicemente quello di ridurre il numero di candidati, bensì di misurare le abilità di ragionamento principali di tutti i futuri funzionari dell'UE. Sulla base di studi scientifici consolidati, questi test hanno il più elevato valore predittivo delle prestazioni lavorative future (rispetto a prove basate esclusivamente sulle conoscenze). Nonostante i candidati di uno stesso concorso non siano confrontati a domande identiche, il livello di difficoltà dei singoli test presentati a ciascun candidato è lo stesso, e garantisce...

more

Ho ottenuto punteggi bassi nel test di ragionamento verbale, nonostante l'abbia svolto nella mia lingua materna.

Il test di ragionamento verbale non è un test di lingua, per cui un punteggio basso non implica una scarsa competenza nella lingua in questione: misura semplicemente le capacità di ragionamento. I test di ragionamento svolgono un ruolo fondamentale nella valutazione, in quanto le attività quotidiane dei funzionari dell'UE dipendono in larga misura dalla loro capacità di ragionare e di comprendere informazioni complesse. I livelli di difficoltà dei test a scelta multipla su computer sono definiti dalla commissione giudicatrice di ciascun concorso, e possono quindi variare da un concorso all'...

more

La qualità della traduzione degli elementi che compongono i test è migliore in alcune lingue che in altre.

Le prove e i loro elementi sono tradotti da traduttori professionisti all'interno delle istituzioni dell'UE, con rigorosi controlli di qualità prima del loro utilizzo. La distribuzione dei punti e il punteggio minimo dei test a scelta multipla su computer sono coerenti per tutte le lingue dell'UE. Gli elementi dei test a scelta multipla su computer (lingue, domande, ecc.) sono sottoposti regolarmente a controlli di qualità per individuare e correggere eventuali problemi. Gli elementi contestati dai candidati sono sottoposti a un riesame da parte della commissione giudicatrice: se si conferma...

more

Il mio punteggio nei test a scelta multipla su computer varia da un concorso all'altro.

È del tutto normale. Bisogna ricordare che i livelli di difficoltà dei test a scelta multipla su computer sono definiti dalla commissione giudicatrice di ciascun concorso, e possono quindi variare da un concorso all'altro. Per questo motivo non è pertinente confrontare i propri punteggi da un anno all'altro. Sebbene alcune domande possano sembrare simili o addirittura ripetersi, secondo gli esperti del settore il repertorio dell'EPSO, contenente oltre 80 000 quesiti, è uno dei maggiori al mondo.

more

Come sono concepiti i test dell'EPSO?

I test dell'EPSO sono elaborati e controllati attentamente da un team interno di psicologi del lavoro in collaborazione con i membri della commissione giudicatrice, selezionati con cura tra tutte le istituzioni dell'UE. L'EPSO segue regolarmente le ultime innovazioni nello sviluppo di test basati su dati scientifici, e negli ultimi anni ha integrato nelle sue procedure di selezione nuove prove, come l'esercizio e-tray o i colloqui video online a distanza. Al tempo stesso, l'EPSO deve anche tener conto del complesso quadro giuridico nel quale deve lavorare, nonché delle esigenze che comporta...

more

In che modo l'EPSO garantisce pari opportunità?

Tutte le prove dell'EPSO, così come il modo in cui sono valutate, sono analizzate da vicino per garantire che siano eque e che non incidano negativamente su un particolare gruppo di candidati. L'EPSO sta per diventare conforme alla nuova norma ISO per le procedure di valutazione ed è già in linea con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. Una dimensione fondamentale dell'equità è l'equilibrio di genere: l'EPSO si adopera per attrarre e selezionare un gruppo equilibrato di candidati di sesso maschile e femminile. Di fatto, per alcuni profili la...

more

Perché devo compilare il mio atto di candidatura in una lingua determinata?

Il requisito per i candidati di compilare l'atto di candidatura nella loro lingua 2 è in linea con una serie di sentenze sull'uso delle lingue nelle procedure di selezione dell'EPSO ed è necessario per garantire la parità di trattamento dei candidati. Le istruzioni in merito sono chiaramente indicate nel bando di concorso, nelle disposizioni generali applicabili ai concorsi generali e sul sito dell'EPSO.

more

In che modo vengono testate la conoscenza dell'UE e la motivazione?

L'impegno verso l'Europa rimane un fattore importante per attirare e selezionare il futuro personale. La conoscenza dell'UE e la motivazione a lavorare per l'Unione europea sono verificate tramite lo strumento di autoselezione online che i candidati completano prima di presentare la propria domanda; nell'atto di candidatura, in cui i candidati dichiarano eventuali studi o esperienze professionali connessi all'Unione europea e illustrano la loro motivazione a lavorare per l'UE; e durante le prove del centro di valutazione, che si basano su scenari lavorativi reali delle istituzioni dell'UE....

more

Hai trovato una risposta?

No