FAQ

Homepage > FAQ > Come garantiamo la parità di trattamento dei candidati e l'imparzialità della commissione giudicatrice nelle procedure di selezione?

Come garantiamo la parità di trattamento dei candidati e l'imparzialità della commissione giudicatrice nelle procedure di selezione?

Categorie di domande: 

Ciascuna procedura di selezione dispone di una propria commissione giudicatrice per selezionare i candidati migliori sulla base delle qualifiche e delle competenze definite nel bando di concorso. Le commissioni giudicatrici sono composte da funzionari delle istituzioni dell'UE. L'EPSO si adopera per garantire una composizione equilibrata che tenga conto del genere e delle conoscenze linguistiche dei membri, della rappresentanza del personale, della rappresentanza dell'amministrazione e delle dimensioni dell'istituzione. Ai lavori della commissione giudicatrice sovrintende un presidente, assistito da uno o più vicepresidenti. Tutti i compiti relativi alla valutazione dei candidati nelle diverse fasi della procedura di selezione sono vincolati dalla segretezza dei lavori della commissione giudicatrice e sono ripresi nel passaporto delle competenze consegnato al candidato ai fini della trasparenza.

L'EPSO attribuisce una grande importanza alla parità e compie ogni sforzo per rispettare le pari opportunità e la parità di trattamento e di accesso di tutti i candidati nel modo seguente:

  • il principio generale che guida i lavori della commissione giudicatrice è il principio di imparzialità. Ad esempio, tra un membro della commissione giudicatrice e il candidato da valutare non può esistere un legame gerarchico o familiare diretto. Tuttavia, l'esistenza di un rapporto professionale passato o anche presente di natura più distante non esclude automaticamente la possibilità di una valutazione
  • i membri della commissione giudicatrice e i candidati sono tenuti a dichiarare eventuali conflitti d'interesse all'EPSO, in modo che possa tenerne conto operando eventuali adeguamenti
  • la commissione giudicatrice segue i criteri di ammissibilità, di selezione e di valutazione prestabiliti che figurano nel bando di concorso. Tali criteri sono attentamente e costantemente documentati, adottati e applicati
  • un'ampia formazione, assistenza e supervisione dei membri della commissione giudicatrice, nonché riunioni periodiche di revisione garantiscono un approccio armonizzato alla valutazione
  • l'EPSO conduce controlli sistematici della qualità e analisi statistiche per monitorare ed eliminare eventuali distorsioni nella valutazione dei candidati.

La risposta è stata utile?

No