Salta al contenuto principale
Logo della Commissione europea

Johan

Johan è amministratore di sistemi presso il Parlamento europeo a Bruxelles dal 2014. Dodici anni fa è stato diagnosticato come autistico, e la sua disabilità non è visibile a prima vista. Gli abbiamo chiesto se si sente integrato nel suo team e se la sua disabilità ha mai rappresentato un ostacolo per il suo lavoro.

"Mi sento integrato nel team. Sono piuttosto estroverso, quindi mi piace interagire con i colleghi. Scherziamo spesso e ridiamo molto. La maggior parte di loro non è al corrente del mio autismo. Con gli anni ho imparato a nascondere la mia disabilità, e devo dire che nel mio settore i comportamenti autistici non sono rari. Forse sono atipico, per essere una persona con autismo. La maggior parte delle persone pensa che gli autistici non amino socializzare, ma è un'idea sbagliata. Certo, le persone affette da autismo pensano in modo diverso, tendono a concentrarsi di più sui particolari, ad esempio, e spesso faticano a gestire le sensazioni, ma quando sono rilassate apprezzano la compagnia degli altri."

Johan, inoltre, incoraggia altri candidati con esigenze particolari a candidarsi a un posto nelle istituzioni dell'UE, e lascia infine un consiglio:

"Le istituzioni europee sono un bell'ambiente in cui lavorare. Sono tutti molto aperti nei confronti delle persone con disabilità. Inoltre, gli edifici sono stati riadattati per accogliere le persone in sedia a rotelle. Devi dimostrare alla commissione giudicatrice di avere un valore pari o superiore a quello degli altri candidati che non hanno una disabilità. Quindi un consiglio: siate ben preparati e fate un tentativo."